Callout piè di pagina: contenuto
Serie di articoli News

INTONACO IMPERMEABILE PER BAGNO: IL TADELAKT

L’intonaco impermeabile per bagno tadelakt è un tradizionale intonaco a base di calce di Marrakech,in virtù delle sue qualità di resistenza all’acqua era utilizzato in passato per il rivestimento di fontane e cisterne, mentre oggi rappresenta uno degli elementi più tipici di hammam e riad. Recentemente, è diventato una finitura apprezzata in tutto il mondo come intonaco impermeabile per bagni, cucine, spa e, in generale, per tutti gli ambienti a stretto contatto con l’acqua.

Scopriamone insieme la storia, le caratteristiche e gli utilizzi.

Intonaco impermeabile per bagno: il Tadelakt
La Storia

L’intonaco impermeabile marocchino, conosciuto come Tadelakt, è un intonaco tradizionale a base di una particolarissima calce prodotta nei dintorni di Marrakech. Questa tecnica di finitura viene utilizzata per pareti, pavimenti, soffitti, archi, cupole e, grazie alle sue qualità di impermeabilità e resistenza all’acqua, è il tradizionale intonaco per i luoghi soggetti all’umidità, come hammam, cisterne, serbatoi d’acqua, fontane, bagni, lavabi, ecc.

Questo intonaco impermeabile (spesso paragonato al marmorino, diffuso in molti paesi del Mediterraneo) è il simbolo della cultura della regione di Marrakech: il nome, dall’arabo dellek, «schiacciare», indica sia il prodotto che la tecnica, propria dei maalem, artigiani esperti che hanno ereditato la competenza, fondamentale per ottenere un risultato ottimale. Leggi la storia di El Mehdi Aarab, maalem marocchino e nostro collaboratore.

La storia di questo materiale risale al XII secolo, durante le dinastie Almoravid (1021-1147) e Almohade (1147-1262); tuttavia, intorno agli anni ’70 del secolo scorso, in Marocco era quasi scomparso a favore di prodotti industriali premiscelati che acceleravano i tempi di applicazione. Il ritorno all’uso di questo particolare intonaco impermeabile è riconducibile  agli anni ’80 con la crescita di interesse per le architetture tradizionali, principalmente a Marrakech: le sue qualità di tenuta, durata e estetica, oltre alla dimensione ecologica e naturale, stanno gradualmente trasformando il Tadelakt in un materiale apprezzato da architetti e designer in tutto il mondo.

Intonaco impermeabile per bagno: il Tadelakt
Perché utilizzarlo?

La crescente fama del Tadelakt è in primo luogo dovuta al suo fascino estetico: l’aspetto finale è morbido, lucido, liscio al tatto; utilizzato nei bagni, rende gli ambienti eleganti, caldi, vibranti e l’aspetto continuo dà l’impressione di maggiore ampiezza. La bellezza di questo materiale non è però l’unico motivo del suo successo. La naturale idrorepellenza lo rende ideale per lavabi, lavandini, fontane e tutti quegli ambienti in cui l’acqua è protagonista. Inoltre, la presenza della calce nell’impasto tende a contrastare la proliferazione di batteri sulle superfici.

Se il bagno è l’ambiente ideale dove utilizzarlo, il Tadelakt è facilmente adattabile anche a altri spazi, come la cucina o il soggiorno. In caso di pavimentazioni, è preferibile sceglierlo per ambienti in cui si gira senza scarpe, per evitare di graffiarlo con pietre o tacchi.

Essendo un intonaco impermeabile, è anche facile da mantenere: si pulisce solo con acqua, magari aggiungendo una goccia di sapone neutro, ed è molto duraturo. Essendo liscio resiste a sporco e muffe, garantendo anche spazi più igienizzati. Se nel corso del tempo dovessero comparire una leggera craquelure o una patina opaca, nessun problema: saranno sono solo elementi  che ne aumenteranno il fascino esotico. In caso, invece, di crepe o scalfitture queste potranno essere risarcite da un artigiano esperto usando il medesimo materiale applicato.

Un ulteriore valore aggiunto è che viene realizzato esclusivamente con prodotti totalmente naturali, che lo fa rientrare di diritto nella bioedilizia.

Tadelakt, intonaco impermeabile
Preparazione e applicazione

L’intonaco impermeabile si realizza con  calce, acqua, sapone nero a base di olio d’oliva; viene applicato secondo una tecnica millenaria e lucidato con una particolare pietra, detta galet. Il colore tradizionale è un bianco caldo, tendente al beige, ma possono essere aggiunti pigmenti naturali per adattarlo al proprio gusto e esigenze.

La calce è stata utilizzata come legante principale per le malte negli ultimi 10.000 anni, nel caso del Tadelakt si utilizza una particolare calce che si ottiene dalla cottura di un calcare impuro che fa da basamento a tutta la zona su cui è costruita Marrakech e i suoi dintorni. Questo calcare viene cavato e cotto in tradizionali forni (intorno a Marrakech esistono ancora una ventina di forni attivi) situati in prossimità delle aree di approvvigionamento delle pietre. La combustione dura 24 ore senza interruzione, alimentata con legno di palma secco e foglie di palma verde. Per approfondire, consigliamo il nostro articolo Viaggio in Marocco. Le fornaci da calce di Marrakech.

Il sapone nero, tradizionale sapone in pasta a base di olio d’oliva usato comunemente come detergente e in cosmesi,  viene applicato sulla superficie dell’intonaco, entro 24 h dalla sua realizzazione. Il suo ruolo è cruciale per la tenuta del Tadelakt: reagisce chimicamente con la calce e gli conferisce impermeabilità e lucentezza, chiudendone tutte le micro fessure.

INTONACO IMPERMEABILE PER BAGNO. Panoramica
Pulsante torna in alto