skip to Main Content
Post Series: News

CAM – CRITERI AMBIENTALI MINIMI: CAPPOTTO CALCECANAPA SODDISFA I CRITERI

Cosa sono i CAM – Criteri Ambientali Minimi

Con l’introduzione dell’Ecobonus al 110% all’interno del Decreto Rilancio del 19 maggio 2020, il mondo dell’edilizia fa sempre più riferimento ai Criteri Ambientali Minimi o CAM.

Ma cosa sono esattamente?

I criteri ambientali minimi, descritti nel DM 11/10/2017, sono i requisiti ambientali ed ecologici definiti dal Ministero dell’Ambiente che mirano ad una razionalizzazione dei consumi e degli acquisti attraverso l’individuazione della soluzione progettuale, il prodotto o il servizio migliore sotto il profilo ambientale lungo il ciclo di vita, tenuto conto della disponibilità di mercato

I CAM-EDILIZIA

Sono criteri che si riferiscono agli appalti e ai contratti di nuove costruzioni, ristrutturazioni, manutenzioni, riqualificazione energetica e gestione dei cantieri.
Il rispetto di questi requisiti assicura che le soluzioni scelte siano rivolte alla riduzione dei consumi energetici, all’abbattimento dell’impatto ambientale, al contenimento delle emissioni in atmosfera, all’utilizzo di materiali ecosostenibili.

I CAM-EDILIZIA sono obbligatori in due situazioni:

  1. per rientrare nel primo intervento trainante dell’Ecobonus al 110%, relativo all’isolamento di più del 25% della superficie disperdente dell’edificio;
  2. nel caso di affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici (approvato con DM 11 ottobre 2017, in G.U. Serie Generale n. 259 del 6 novembre 2017).

I materiali edili da utilizzare in questo tipo di interventi devono rispettare questi criteri:

  • Criterio 2.4.1.2 – Materia recuperata o riciclata: il contenuto di materia recuperata o riciclata deve essere pari ad almeno il 15% in peso sul totale dei materiali utilizzati;
  • Criterio 2.4.1.3 – Sostanze pericolose: non è consentito l’utilizzo di prodotti contenenti sostanze ritenute dannose per lo strato d’ozono;
  • Criterio 2.4.1.1 – Fine vita: i componenti edilizi devono essere sottoposti a demolizione selettiva ed essere riciclabili o riutilizzabili a fine vita;
  • Criterio 2.3.5.5 – Emissioni dei materiali: i materiali devono rispettare precisi limiti di emissione (VOC), misurati a 28 gg.

Gli isolanti termici ed acustici devono rispettare anche il punto 2.4.2.9 del DM 11/10/2017, ovvero:

  • non devono essere prodotti utilizzando ritardanti di fiamma che siano oggetto di restrizioni o proibizioni previste da normative nazionali o comunitarie applicabili;
  • non devono essere prodotti con agenti espandenti con un potenziale di riduzione dell’ozono superiore a zero;
  • non devono essere prodotti o formulati utilizzando catalizzatori al piombo quando spruzzati o nel corso della formazione della schiuma di plastica;
  • se prodotti da una resina di polistirene espandibile gli agenti espandenti devono essere inferiori al 6% del peso del prodotto finito;
  • se costituiti da lane minerali, queste devono essere conformi alla nota Q o alla nota R di cui al regolamento (CE) n. 1272/2008 (CLP) e s.m.i. (29);
  • se il prodotto finito contiene uno o più dei componenti elencati nella seguente tabella, questi devono essere costituiti da materiale riciclato e/o recuperato secondo le quantità minime indicate, misurato sul peso del prodotto finito.
cam criteri ambientali minimi - Tabella componenti riciclati e/o recuperati

Calcecanapa® Cappotto soddisfa i CAM-EDILIZIA

Calcecanapa® Cappotto, il sistema di isolamento termico e acustico naturale delle pareti interne e esterne di qualsiasi edificio con pannelli in fibra di canapa, soddisfa a pieno i criteri minimi ambientali imposti da DM 11/11/2017.

Back To Top